Segui il culto in diretta  
Home » Media » Citazioni » John Charles Ryle » 6 - Cinque pericoli ...

Il tuo nomeIl nome del tuo amico
La tua emailEmail del tuo amico
x chiudi

Five dangers for young men

Pride

"Young men, do not be too confident in your own judgment. Stop being so sure that you are always right, and others wrong. Don't trust your own opinion, when you find it contrary to that of older men, and especially to that of your own parents. Age gives experience, and therefore deserves respect."

 

Love of Pleasure

"Youth is the time when our passions are strongest, and like unruly children, cry most loudly for indulgence. Youth is the time when we have generally our most health and strength: death seems far away, and to enjoy ourselves in this life seems to be everything. ‘I serve lusts and pleasures', that is the true answer many a young man should give if asked, ‘Whose servant are you?

 

Thoughtlessness

"Not thinking is one simple reason why thousands of souls are thrown away forever into the Lake of Fire. Men will not consider, will not look ahead, will not look around them, will not reflect on the end of their present course, and the sure consequences of their present days, and wake up to find they are damned for a lack of thinking. Young men, none are in more danger of this than yourselves. You know little of the perils around you, and so you are careless how you walk. You hate the trouble of serious, quiet thinking, and so you make wrong decisions and bring upon yourselves much sorrow."

 

Contempt of Religion

"This also is one of your special dangers. I always observe that none pay so little outward respect to Christianity as young men. None take so little part in our services, when they are present at them, use Bibles so little, sing so little, listen to preaching so little. None are so generally absent at prayer meetings, Bible Studies, and all other weekday helps to the soul. Young men seem to think they do not need these things, they may be good for women and old men, but not for them. They appear ashamed of seeming to care about their souls: one would almost fancy they considered it a disgrace to go to heaven at all."

 

Fear of Man's Opinion

"It is terrible to observe the power which the fear of man has over most minds, and especially over the minds of the young. Few seem to have any opinions of their own, or to think for themselves. Like dead fish, they go with the stream and tide. What others think is right, they think is right; and what others call wrong, they call wrong too. There are not many original thinkers in the world. Most men are like sheep, they follow a leader. If it was the fashion of the day to be Roman Catholics, they would be Roman Catholics, if it was to be Islamic, they would be Islamic. They dread the idea of going against the current of the times. In a word, the opinion of the day becomes their religion, their creed, their Bible, and their God."

 


Cinque pericoli a cui sono esposti i giovani

 

Orgoglio

Giovani, non fate troppo affidamento sul vostro buonsenso. Non siate così sicuri di avere sempre voi ragione e gli altri torto. Non fidatevi della vostra opinione, se scoprite che contrasta con quella dei più anziani, e specialmente con quella dei vostri genitori. Ricordate che l'età aggiunge esperienza e quindi merita rispetto.

 

Amore del piacere

La gioventù è il periodo in cui le nostre passioni sono più intense e, come nei bambini disubbidienti, reclamano maggiore tolleranza. È fase durante la quale generalmente siamo più vigorosi e in salute: la morte ci appare come una realtà lontana e il tutto della nostra vita sembra essere il divertimento. ‘Io servo le cupidigie e i piaceri'. Questa è la reale risposta che molti giovani dovrebbero dare se venisse loro chiesto: ‘Di chi sei servo?

 

Incoscienza

Il non pensare è una delle ragioni per le quali migliaia di anime verranno gettate nello Stagno di Fuoco e di Zolfo. Gli uomini non vogliono prendere in considerazione, non vogliono guardare avanti, non vogliono guardarsi intorno, non vogliono riflettere sulla fine del loro percorso attuale e sulle sicure conseguenze del modo in cui vivono oggi, e si ritroveranno dannati in eterno per non aver valutato queste realtà. Giovani, nessuno più di voi corre il rischio di trovarsi in questa condizione. Conoscete poco dei pericoli che vi circondano e perciò non vi date pensiero di come vi comportate. Detestate preoccuparvi di un responsabile e tranquillo rifletterci sopra, e così prendete delle decisioni sbagliate che vi causeranno molti dolori

 

Disprezzo della religione

Anche questo è uno dei pericoli tipici della vostra età. Noto spesso che nessuno più dei giovani è esteriormente così irriguardoso verso il cristianesimo. Nessuno partecipa così poco alle nostre riunioni e, quando è presente, usa così poco la Bibbia, canta così poco, ascolta così poco la predica. Generalmente, nessuno manca così tanto alle riunioni di preghiera, agli studi biblici e a tutti gli altri sostegni settimanali per l'anima. I giovani sembrano pensare di non aver bisogno di simili cose, che esse vanno bene per i più anziani ma non per loro. Pare che si vergognino di apparire troppo interessati al bene della loro anima: si potrebbe quasi dire che considerano una scalogna andare in paradiso".

 

Paura dell'opinione altrui

″è terribile constatare quale potere abbia il timore dell'uomo sulla maggior parte delle menti, specialmente quelle dei giovani. Pare che pochi abbiano una opinione personale o siano in grado di pensare autonomamente. Come pesci morti, seguono la corrente e la marea. Ciò che per gli altri è giusto, lo ritengono giusto e ciò che gli altri definiscono sbagliato, lo considerano sbagliato. Nel mondo non ci sono molti pensatori originali. La gran parte degli uomini è come le pecore, va dietro a qualcuno che ha la capacità di guidarli. Se la tendenza del momento imponesse di esser cattolici, diverrebbero cattolici, se fosse quella di esser islamici, sarebbero islamici. Si spaventano al pensiero di andare contro corrente. In una parola, la convinzione del momento diventa la loro religione, il loro credo, la loro Bibbia e il loro Dio″.

 

John Charles Ryle

 

 

 

 

     
DONAZIONI
IBAN DONAZIONI IT23D0306909606100000135846
....
Archivio
       
Archivio