Segui il culto in diretta  
Home » Media » Frammenti Spirituali » Raymond T. Richey

Il tuo nomeIl nome del tuo amico
La tua emailEmail del tuo amico
x chiudi

Data di pubblicazione : 24/02/2013



Io so che Dio risponde alle preghiere!

di Raymond T. Richey

Raymond T. Richey

 

Io sono certo che Dio risponde alle preghiere. Innanzitutto, perché  promette di farlo, e Lui è il Dio della verità, che non può mentire (Tito 1:2). Egli dice: "Invocami, e io ti risponderò, ti annuncerò cose grandi e impenetrabili che tu non conosci" (Ger. 33:3).


So che risponde alle preghiere perché Gesù, l'unigenito figlio di Dio, pregò e non pregò solo, ma insegnò ai suoi discepoli come pregare! Io so che Dio risponde alle preghiere perché il Libro di Dio, la Bibbia, è il ricordo di innumerevoli preghiere a cui Egli ha risposto!

Anticamente Dio rispondeva alle preghiere del suo popolo e oggi continua ad agire nella medesima maniera. Quando il popolo di Dio prega, accade sempre qualcosa!

Consideriamo brevemente cosa succede quando il popolo di Dio prega. Giacobbe pregò e la sua intera natura, persino il suo nome, subirono un cambiamento. Non era più lo stesso Giacobbe, cioè soppiantatore,  ma era diventato Israele, il principe  (Gen. 32:28). Elia pregò e non piovve sulla terra per lo spazio di tre anni e sei mesi. Poi pregò di nuovo e Dio mandò la pioggia. Eppure era un uomo sottoposto alle nostre stesse passioni (Giac. 5:17). La fede nel Dio di Elia oggi darà risposta alle preghiere!

Il re Ezechia si ammalò a morte. Il profeta si recò da lui dicendogli che non sarebbe guarito ma che sarebbe morto. Allora Ezechia voltò la faccia verso il muro e pregò il Signore, dicendo:  "Signore ricordati, ti prego, che ho camminato davanti a te con fedeltà e con cuore integro, e che ho fatto ciò che è bene ai tuoi occhi" e scoppiò in un gran pianto (2 Re 20:2-3). Dio aggiunse quindici anni alla sua vita! Io so che Dio esaudisce le preghiere.

I tre giovani ebrei pregarono e quando furono gettati nella fornace ardente, c'era un quarto uomo che camminava nel fuoco insieme a loro. Quando furono tirati fuori dalla fornace, i loro vestiti non avevano preso neanche l'odore del fuoco (Dan. 3). Oh sì, io so che Dio risponde alle preghiere!

Daniele ardì pregare il Signore nonostante fosse proibito dal re. Per questo fu gettato nella fossa dei leoni, ma Dio rispose alla sua preghiera. Per tutta la notte, mentre il re non riuscì a dormire, Daniele riposò dolcemente nella sicurezza che Dio risponde alle preghiere!

Quale figlio di Dio non ha sperimentato la gioia di giungere allo stremo delle forze, delle capacità, delle   proprie risorse, forse finanche della stessa vita, e di vedere l'intervento di Dio nella propria vita che cambia la scena e, in risposta alla sua preghiera, gli dà vittoria? "Il mio Dio è intervenuto! Il mio Dio ha turato le fauci dei leoni! Il mio Dio ha impedito al fuoco di bruciarmi! Il mio Dio ha mandato il suo angelo ad aprire la porta della prigione! Il mio Dio ha reso innocuo il veleno del serpente! "

Gesù pregò alla tomba di Lazzaro. Alzò gli occhi al cielo e ringraziò il Padre per aver esaudito la sua preghiera e perché ascolta sempre le preghiere. Poi comandò a Lazzaro di uscire dalla tomba. Quando il Principe della Vita pronuncia la parola, la morte abbandona la propria preda! Dio risponde alla preghiera! 

I discepoli del Signore pregarono. Leggiamo che quando i 120 sull'alto solaio pregavano, il luogo dove erano radunati fu scosso, il potente Spirito della promessa discese su ciascuno di loro e sotto la sua unzione furono capaci di condurre moltitudini ai piedi di Cristo! Dio risponde alla preghiera! 

La chiesa primitiva pregava! In ogni tempo, in qualsiasi difficoltà e prova, in ogni posto ostile, i credenti pregavano! Il re Erode perseguitava la chiesa: Giacomo era stato ucciso con la spada, Pietro era in prigione, ma "fervide preghiere" venivano elevate a Dio dalla chiesa. In risposta a quelle preghiere, l'apostolo, in catene fra due soldati e guardato a vista dalle sentinelle davanti alla porta del carcere, fu liberato dall'angelo di Dio e andò a incontrare i suoi fratelli (Atti 12). 

Tu che sei incatenato nella prigione del timore, del dubbio, del dolore e della malattia, dell'angoscia, dell'afflizione e dell'amarezza, Dio ti sta mandando il suo angelo! Io so che Dio risponde alla preghiera! La storia della Chiesa è un susseguirsi di preghiere esaudite! Ogni grande risveglio a cui questo mondo ha assistito è invariabilmente il risultato della risposta che Dio ha dato alla preghiera di qualcuno, il risultato della risposta che Dio dà alla fervente, efficace, insistente, predominante preghiera dei suoi figliuoli, la sua Chiesa! 

La Riforma  nacque in risposta alle preghiere di Lutero; i grandi risvegli del diciottesimo secolo avvennero grazie alle preghiere dei fratelli Wesley e dei loro amici, che ebbero l'audacia di credere in Dio. Prestate attenzione e udite John Knox gridare: "Dammi la Scozia o morirò!". Guardate come Dio manda un risveglio che non si diffonde solo in Scozia, ma anche in Inghilterra e nel Galles!

Similmente, i grandi risvegli del ventesimo secolo altro non sono che la risposta di Dio alle preghiere dei suoi figli! Oh, sì, amico, io so che Dio risponde alla preghiera e più tu preghi, più io prego, più Dio lo farà! Le catene del peccato, della malattia, dell'afflizione, dell'oppressione, dell'ossessione e della possessione demoniaca, di tutte le potenze e le forze sataniche, non riusciranno a contrastare la potenza che sprigiona da una preghiera fiduciosa, perché Dio risponde alla preghiera!


Articolo tratto e tradotto a cura di Ciro Izzo dalla rivista evangelica The Voice of Healing, pag. 13, agosto 1953.

The Voice of Healing, pag. 13, agosto 1953.


 

     
DONAZIONI
Pro Bisognosi - Pro Adozioni - Pro Missioni - Pro Locale di culto
....
Archivio
       
Archivio